Split Payment

L'articolo unico, commi da 629 a 633, della legge 23 dicembre 2014 n. 190 (legge di stabilità 2015), pubblicata nel S.O. n. 99 della Gazzetta Ufficiale n. 300 del 29 dicembre 2014, ha introdotto, tra l'altro, nell'ordinamento tributario, l'art. 17-ter del D.P.R. n. 633/1972 che disciplina il meccanismo impositivo dello "split payment" nei rapporti commerciali in cui è parte la Pubblica Amministrazione. La novella normativa prevede che, in deroga all'ordinario sistema dell'IVA, l'imposta sia versata dai cessionari o committenti, per tutte le cessioni di beni e per le prestazioni di servizi effettuate nei confronti dello Stato, degli organi dello Stato dotati di personalità giuridica, degli enti pubblici territoriali (quindi, anche delle Province), delle Camere di Commercio, degli istituti universitari, delle ASL, delle aziende ospedaliere, degli enti pubblici di ricovero e cura aventi prevalente carattere scientifico, degli enti pubblici di assistenza e beneficenza e di quelli di previdenza.

Di seguito il decreto del Ministro dell'Economia e delle Finanze 23 gennaio 2015, la relazione al decreto del Ministro dell'Economia e delle Finanze 23 gennaio 2015 e i documenti di prassi emanati dall'Agenzia delle Entrate cui si rimanda per le modalità applicative della novella normativa.

allegato   Decreto del Ministro dell'Economia e delle Finanze 23 gennaio 2015
allegato   Relazione al decreto del Ministro dell'Economia e delle Finanze 23 gennaio 2015
allegato   Circolare Agenzia delle Entrate 9 febbraio 2015 n. 1/E
allegato   Circolare Agenzia delle Entrate 19 febbraio 2015 n. 6/E